«In ricompensa del valore dimostrato negli episodi del 1848»
L'immagine del Risorgimento dopo l'Unità

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 

VISTA

la domanda con la quale il Sindaco della Città di Bergamo chiede di accompagnare lo stemma della Città con la iscrizione «Bergamo Città dei Mille» e di ottenere una modifica al gonfalone concesso con R.D. in data 29 aprile 1940;

VISTI gli atti prodotti a corredo;
VISTO l'art. 5 del Regolamento approvato con R.D. 7 giugno 1943, n.652;
SULLA proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri;

DECRETA:

    E' concessa alla Città di BERGAMO la facoltà di accompagnare lo stemma con la iscrizione centrata in caratteri d'oro: «BERGAMO - CITTA' DEI MILLE» disposta in modo che la parola «Bergamo» sia collocata al di sopra e la espressione «Città dei Mille» al di sotto dello stemma stesso.
    E' concesso, inoltre , alla sudetta Città il seguente gonfalone, in sostituzione di quello concesso con il R.D. 29 aprile 1940: Drappo di colore rosso, terminante con tre liste, caricato dello stemma civico accompagnato della iscrizione centrata in caratteri d'oro: BERGAMO - CITTA' DEI MILLE. Le parti di metallo ed i cordoni saranno dorati. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto rosso con bullette dorate poste a spirale. La freccia regolamentare sarà sostituita da una corona di lauro e di quercia nel centro della quale campeggia l'aquila romana posante sopra una targa su cui è riprodotto lo stemma della Città, accostato dai colori nazionali.
    Il Presidente del Consiglio dei Ministri è incaricato della esecuzione del presente decreto, che sarà registrato alla Corte dei Conti e debitamente trascritto.

Dato a Roma addì 20 gennaio 1960.

Firmato :
Controfirmato:

GRONCHI
SEGNI

 

Museo Storico della Città