«Radetzchi, ti star porco»
La satira antiaustriaca

Dialogh fra on Croatt e ona veggia

 

Dialogh fra un Croatt e ona veggia
Che la feniss a casciagh adree l'orinari
Con denter el spess el rari

C. Cove star tua denara, veccia porca: o dammi tutta tua denara, o mi te mazzo.

V. Dove ho mai de toeuj i danee, s'el voeur di dabet; mi no gho olter.

C. Tase, veccia sconsacrada: ti aver denar sconduta, dammi subito tua denara.

V. Cara Madonna, cossa ho mai de dagh?... El voeur sto pan? ...

C. Che pan de dio - denar mi vojo. E dammi anella, dammi bòccola; tartaifel!..

V. Hin tucc memòri del me omm, o Signori, ho de privammen? Mai pu!

C. (afferrandola per braccio come per strapparle gli anelli dai diti) dà quà porca veccia, o te faccio a tocchi.

V. Oh chi, ch'el staga indree, che nol me tocca, brutt, scorbatton, son bonna de scarpagh coi once la pell de la faccia, de strappagh foeura i oeucc del coo. Coss'el se cred, de famm stremì?... No ghè Radetzki, no ghè Bolza, nè Torrezani che me sremissa. Brutti carogn tutt insemma, brutti ladroni!

C. (dandole un pugno nello stomaco) Guarda come ti parla, o veccia infamma, o mi ti infilzo, (abbassa il fucile).

(La Vecchia fa per fuggire: vedendo un orinario lo prende e glielo tira addietro imbrattandogli tutta la faccia e la montura).

C. Ahi, ahi, tartaifel!... taliana porca!... ahi! la mia faccia se te chiappo!... (la vecchia intanto era corsa a chiamar gente.)

Si vende da FELICE LONATI nella Contrada di Chiaravalle num. 4757.

 

Biblioteca Civica di Bergamo, Proclami, XLIII, 41; f.v.