«Esultano trionfanti i bergamaschi»
Marzo-luglio 1848: l'insurrezione di Bergamo

Bergamo esultante
per la liberazione di due distinti cittadini
i Signori
Giovanni Frizzoni e Giuseppe Zuccala
tenuti in ostaggio dai soldati croati
Sciolti li 22 Marzo 1848

 

POESIA

 

    Cittadini all'Orobia sì cari
Che per zelo ed invitto coraggio
Voi rapiti e stretti in ostaggio
Foste in preda all'ambascia, al dolor;

    Non indarno fidaste nel cielo
Sempre il ciel d'ascoltarvi bramoso
A premiarvi fu pronto e pietoso
Per le doti che adornanvi il cuor.

    Ecco alfine che sciolti ne siete
Dagli artigli del fiero croato
Nella mano che v'ha liberato
Conoscete il poter del Signor.

    Degli amici tornate all'amplesso
Giacché ognuno l'istante ne attende
Anche il sole più bello risplende
A sì fervidi abbracci d'amor.

    Alla patria giuliva e gloriosa
Pei nemici che sperde e imprigiona
Voi venite a formarle corona
Tra i suoi figli ne siete i bei fior.

    Tutta eccheggi d'evviva l'Italia
Sempre pronti alla pugna; ché Dio
Per la prece e virtute di Pio
Farà a noi il sospirato favor.

S. B.

Stamperia Mazzoleni

 

Biblioteca Civica di Bergamo, Proclami, XLIII, 57; f.v.