"Eroismi Senza Chiasso"[1]


La vita e l'opera di don Tranquillo Dalla Vecchia


 

 

 

Lo storico Giuseppe Belotti nel suo studio  “ I Cattolici di Bergamo nella Resistenza”              sostiene che  nella fase pre-resistenziale svoltasi in bergamasca  :

 

“il problema immediato che i primi nuclei resistenziali devono risolvere  senza indugio [è] quello dell’ assistenza agli ebrei , ai militari sbandati ed ai prigionieri di guerra evasi dal campo della Grumellina”.

 

Quindi primo obiettivo è quello di adempiere ad un dettato morale e civile a cui poi farà seguito l’azione militare vera e propria.

La mia ricerca intende quì  avvalorare l’affermazione dello storico , concentrandosi in particolare sulla figura e l’opera di don Tranquillo Dalla Vecchia, che fu direttore dell’Orfanotrofio maschile “Don Luigi Palazzolo” di Torre Boldone  , cappellano all’ospedale “Istituto Palazzolo” sempre a Torre , nonché assistente spirituale del  patronato San Vincenzo.

Nell’opera sopra citata don Tranquillo , con le Suore delle Poverelle addette all’orfanotrofio, è a capo di   un’organizzazione  clandestina per l’espatrio degli Ebrei in Svizzera. 

 

“Il dispositivo di salvataggio degli ebrei messo in moto da don Dalla Vecchia funziona a meraviglia: sono apparsi come per incanto giovani esperti che fanno da guide, ferrovieri complici che, prima o dopo le stazioni presidiate, fermano le locomotive  i piena campagna per caricarvi e scaricarvi ebrei. A Colico , in una capanna, i fuggiaschi sostano al sicuro, in attesa del mezzo che li trasporti a Lanzo d’Intelvi o in Val Porlezza , o verso San Cassiano (Chiavenna) o in Val Malenco.”

 

L’opera di assistenza a partigiani , prigionieri ed ebrei è testimoniata inoltre in un dattiloscritto (mai stampato) dal titolo “L’opera delle Suore delle Poverelle (Istituto Palazzolo ) nel periodo della lotta clandestina”, una breve memoria scritta a Milano da Suor Simplicia Vimercati,  mai stampata, fornitomi da Suor Sistina Cibìen, in cui l’azione delle religiose viene descritta negli istituti di Milano , Bergamo, Grumello del Piano,  Torre Boldone.

( In foto grande: don Tranquillo tra i suoi orfani a Torre nel 1950;)

 

 

 

 

 

 

 

 

Paragrafo 3- Ospedale “Istituto Palazzolo” Torre Boldone
Biografia di don Tranquillo Della Vecchia

 

Articoli de L’Eco di Bergamo riguardanti don Tranquillo:

 

Bibliografia utilizzata

 

Interviste:


 

  ·      19 dicembre 2000, incontro con suor Sistina Cibien, suora delle Poverelle , nata 21 settembre 1922. Trascorse gli anni dal ’37 al ’39 in Francia .

 

·      Il 22  dicembre 2000 incontro presso l’Istituto Palazzolo suor Generosa Dalla Vecchia ,  nipote di Don Tranquillo, nata il 12 agosto 1922.

 

 



[1] Il titolo del paragrafo mi è stato suggerito da suor Sistina: così definisce l’opera d’assistenza  dei  Cattolici bergamaschi nel periodo fascista.

 

         Hompage

Eco di Bergamo

La famiglia Levi

   don Tranquillo

          interviste

foto

 links

   ringraziamenti