FRAMMENTI E MEMORIE DI STORIA LOCALE


 

Conseguenze e riflessi, in ambito locale, dell’emanazione delle leggi razziali e dell'antisemitismo durante il regime fascista.

                          

 

 

 

 

 

Numerosi sono i sentieri che possono suscitare in un individuo  la curiosità per le vicende storiche; nel mio caso  l’interesse riguardo alla persecuzione degli Ebrei in  Italia durante il regime fascista è nato a seguito  delle seguenti circostanze: 

  • Pellegrinaggio, nell’anno scolastico 1997/1998, ai campi di sterminio nazista in Europa con l’ANED ;

  • Frequentazione nell’anno scolastico 1999/2000 dello stage, organizzato dal Museo Storico della città di Bergamo sul tema "Razzismo di Stato e razzismo quotidiano. Tra centro e periferia”;

  • Ritorno ad Auschwitz in occasione di una visita di scambio culturale in Polonia ;

La conoscenza ravvicinata dei luoghi e delle notizie storiche relative alla shoà , mi hanno indotto  a ricercare i riflessi, in ambito locale, di quei drammatici avvenimenti. Sono nate così due ricerche, con tempi e modalità diverse.

La prima, condotta sullo spoglio di un quotidiano locale dell’epoca fascista, ha cercato di delineare la posizione del clero bergamasco all’indomani dell’emanazione delle Leggi Razziali del 1938.

La seconda ha utilizzato il criterio della testimonianza orale con l’intento di far maggior luce sulla figura e l‘opera  del prete don Tranquillo Dalla Vecchia, distintosi nell’opera assistenza ai perseguitati di origine ebraica.                                                                                                                                                                                                                                                                                         Con lo stesso metodo ho voluto individuare le impressioni sulla popolazione di un comune della bergamasca della persecuzione di regime operata nei confronti di una famiglia ivi residente   di origine ebraica.

                                                                                                        

 

         home page

Eco di Bergamo

Famiglia Levi

   Don Tranquillo

          Interviste

foto

 links

   ringraziamenti