I maestri

Il regolamento del 1818 era molto vago, circa la preparazione dei maestri elementari.

L'attenzione era rivolta più al decoro formale e alla condotta politica che all'effettiva competenza. I maestri erano preparati con corsi di soli 3 o 6 mesi.

Se dobbiamo concludere che fosse facile fare il maestro, non dobbiamo pensare che fosse una professione troppo desiderabile: lo stipendio era misero e questo obbligava il maestro ad assumere anche altri lavori. Le condizioni di salubrità delle aule erano spesso ai limiti della viivibilità, la strumentazione didattica e l'arredo scolastico erano inadeguati e le classi sovraffollate.

Bisognerà aspettare il 1861 e quindi l'Unità d'Italia, perché venga istituita la Scuola Normale Femminile di Bergamo (l'attuale Istituto Magistrale P. Secco Suardo).

Se questa è la norma esistono anche eccezioni, almeno fra gli insegnanti delle scuole superiori. Quali? Il Mascheroni, per esempio. No, non ci si riferisce all'attuale Liceo di Bergamo, ma al personaggio da cui deriva il nome. Proprio lui sosterrà: " Se gli istruttori stenteranno a vivere, mancherà loro la lena per istruire ed è certo che non essendo ben persuasi, essi non avranno forza per persuadere gli altri".

Istruzione

Cultura

Assistenza