L'istruzione tecnica

All'inizio dell'800, praticamente non esisteva un' istruzione tecnica a Bergamo e i governi, sia quello austriaco che quello napoleonico, preferiva rimodernare l'istruzione classica (es. il Liceo) e trascurare l'istruzione elementare e quella tecnico - professionale. Questo, nonostante insegnanti di rilievo come Lorenzo Mascheroni, Antonio Tadino e Giovanni Maironi da Ponte che ritenevano importante introdurre materie tecnico - scientifiche nell'insegnamento.

Bisognerà aspettare il 1862 e la legge Casati perché venga inaugurato l'Istituto Tecnico di Bergamo, intitolato poi a Vittorio Emanuele II, insieme ad altri nove istituti di istruzione tecnica.

Scuole di questo tipo, però, vengono istituite, almeno nella bergamasca, solamente per ragioni pratiche perché, anche dopo l'unità d'Italia, si ritiene sia vera istruzione solo quella classica.

La spinta è data dalla Società Industriale Bergamasca che aveva bisogno di personale più qualificato per  le sue aziende che iniziavano a nascere e svilupparsi proprio in questo periodo

Istruzione

Cultura

Assistenza