Museo Donizettiano

Per la storia della musica la città di Bergamo ha avuto, nel corso dei secoli, una parte di non secondaria importanza, avendo fra l’altro dato i natali a uno dei "grandi" del melodramma ottocentesco, Gaetano Donizetti (1797-1848).
Punto di partenza per un "itinerario donizettiano" nella città è il museo Museo Donizettiano: grazie alla recente (maggio 1999) apertura della sezione dedicata agli strumenti musicali, il museo occupa oggi due sale del palazzo quattro-secentesco di Via Arena in Città Alta, proprietà della Misericordia Maggiore e denominato Palazzo della Misericordia, ove fu inaugurato nel 1906. L’interno del salone principale, dedicato alla vita e all’opera di Donizetti, è riccamente decorato da affreschi neoclassici riportanti la data 1802, in parte opera del pittore Paolo Vincenzo Bonomini (1756-1839).

 

In questa sala si possono ripercorrere le tappe fondamentali della carriera del musicista bergamasco, dagli studi a Bergamo e Bologna sino alla creazione dei grandi capolavori e all’apogeo del successo a Parigi e a Vienna; la visita al Museo offre inoltre la possibilità di venire a contatto col mondo musicale e non solo musicale dell’epoca. Inoltre, il "mito Donizetti" è qui rappresentato nelle vetrine dedicate alle celebrazioni del musicista e alla fortuna e alla diffusione delle sue opere nel mondo sino ai nostri giorni.

 

Nella seconda sala sono presenti strumenti musicali di rilevante interesse: un fortepiano appartenuto a Simone Mayr, due armonium ottocenteschi, di cui uno con un dispositivo elettromeccanico di registrazione, un’intera raccolta di strumenti a fiato della prima metà dell’ottocento e un violoncello piccolo appartenuto ad Alfredo Piatti… oltre, naturalmente, agli strumenti appartenuti o acquistati da Donizetti che sono presenti nella prima sala.

 

Dopo il Museo Donizettiano, l’itinerario porta alla poco distante Casa natale, nella quale il compositore, nato da genitori poverissimi, vide la luce il 29 novembre 1797. Situata in via Borgo Canale, al di fuori della cinta muraria di Città Alta, tale edificio è il risultato di un innalzamento avvenuto nel Seicento su strutture medievali: le due stanze abitate tra il 1786 e il 1808 dalla famiglia Donizetti sono nei sotterranei, a cui si accede tramite una ripida scaletta, definita da Donizetti stesso "una scala di cantina". Monumento nazionale dal 1926, la casa natale è oggi gestita dalla Fondazione Donizetti.


Riferimenti

Museo Donizettiano - Via Arena, 9 - 24129 Bergamo Tel 035399269 - 035237374  Fax 0354135133 Email: donizetti@museostoricobg.org
Orari di apertura - 1° aprile -- 30 settembre: 10.00-13.00 ; 14.30-17.00 / 1° ottobre -- 31 marzo: 10.00-13.00 / Lunedì chiusura settimanale

Archivio del Museo Donizettiano
- Via Arena, 9 - 24129 Bergamo
Per appuntamenti: Tel 035399269 Fax 0354135133
Email: donizetti@museostoricobg.org


Casa natale di Gaetano Donizetti - Via Borgo Canale, 14 - 24129 Bergamo Tel 035399269-035247116 Fax 035219128 Aperta su appuntamento