Introduzione

L’Austro-Daimler 23061 da 220 CV a Torino

Testo e fotografie di Alberto Casirati


Grazie alla società Aero Products International s.a.s di Trezzano sul Naviglio (MI), sponsor dell’iniziativa, si è potuto avviare un nuovo progetto di restauro, affidato al GAVS Torino e dedicato ad un motore aeronautico estremamente raro: l’Austro-Daimler 23061 da 220 cavalli, prodotto nel 1918. Si tratta di uno dei migliori esempi di motore aeronautico di quei tempi, concorrente diretto dell’Italiano SPA 6a, di concezione e struttura similare. Da ricerche effettuate negli archivi storici di Vienna dal Sig. Koloman Mayrhofer per conto del Museo Storico di Bergamo, questo motore, immatricolato dall’aeronautica militare austro-ungarica con il numero 23061, equipaggiava l’aeroplano Aviatik D I matricola 338.24 nel settembre 1918, mentre si trovava al Fliegerpark 5, nei pressi di Rovereto. Secondo alcune voci, questo aeroplano fu abbattuto dal Cap. Antonio Locatelli, ma non siamo riusciti a trovare, fino a questo momento, alcuna conferma documentale in merito. Si tratta comunque di un cimelio di notevole valore storico e tecnico, del quale sono sopravvissuti solo 4 esemplari in tutto il mondo.



Anche questo motore beneficerà di un restauro rigorosamente conservativo: le parti rotte o irrimediabilmente rovinate verranno riparate. Per quanto possibile, le parti mancanti verranno riprodotte sulla base di componenti o disegni originali ed aggiunte, ma verranno anche mantenuti alcuni segni della storia di questo cimelio, come le ammaccature subite da alcune delle parti principali. La perizia e la passione dei tecnici restauratori volontari del GAVS Torino costituiscono la migliore garanzia di un ottimo risultato finale.

Email: info@museostoricobg.org

Alcune viste del motore al suo arrivo in Torino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attenzione: queste immagini possono essere copiate ed utilizzate solo per fini personali. Ne è vietata la riproduzione, sotto qualunque forma, per averne un guadagno o per successiva divulgazione, salvo autorizzazione scritta dei legittimi proprietari, che sono riportati nel corpo delle immagini. I trasgressori verranno perseguiti a termini di legge..
Copyright 2002 Museo Storico della Città di Bergamo