Per una rete dei musei storici lombardi. Documento finale
Mauro Gelfi-Roberto Guerri

 

Le problematiche emerse nella fase preparatoria e conclusiva del convegno, prima fra tutte la mancanza di una "anagrafe" certa dei musei di storia contemporanea, ci impongono riflettere sulla necessità di costruire una rete stabile tra i musei di storia lombardi. Una rete che sia prima di tutto un luogo fisico dove i direttori e i conservatori dei musei possano incontrarsi periodicamente, un luogo dove gli operatori dell'educational possano confrontarsi, uno spazio dove le direzioni dei musei possano costruire una attività di "lobbing" nei confronti degli organismi superiori alla dimensione civica (in primo luogo quindi la Regione Lombardia). Infine, a livello progettuale, una rete virtuale che sia in grado di fornire agli utenti dei singoli musei una panoramica più vasta e, in ultima analisi, un museo virtuale della storia lombarda nell'età contemporanea. Quindi:

  1. Incontro trimestrale dei direttori e dei conservatori dei musei di storia lombardi, con ordine del giorno concordato il mese precedente e pubblicizzato attraverso il forum (www.museostoricobg.org/forum.htm). La riunione trimestrale potrà programmare anche attività di stage nei singoli musei e iniziative formative per i collaboratori. Particolare attenzione sarà posta allo scambio di informazioni e all'organizzazione di iniziative sul territorio: conferenze, convegni. Alla riunione dovrebbe partecipare un funzionario della Regione. Parallelamente verrà favorito l'incontro tra le associazioni degli amici dei musei.
  2. La rete dei musei ha come scopo principale quello dello scambio di esperienze. Da questo punto di vista sarà utile organizzare incontri periodici degli addetti alla didattica, al fine di sviluppare un proficuo confronto e crescita reciproca. La rete potrebbe già porsi come obiettivo quello di giungere ad una convenzione con gli Uffici Provinciali scolastici della Lombardia per il riconoscimento dei musei storici quali soggetti privilegiati nella didattica della storia dell'età contemporanea.
  3. I musei storici sono oggi scarsamente rappresentati nei vari livelli istituzionali: Regione, Stato, EU, lo stesso ICOM. Ciò fa sì che la visibilità e la specificità dei musei storici sia difficilmente riconosciuta; la rete avrebbe il vantaggio di presentarci unitariamente nei confronti dei livelli istituzionali. Tanto per citare alcuni ambiti si pensi alla possibile valenza di una rete per: ottenimento fondi, rapporti con la Comunità europea, attività legislativa, iniziative per la didattica e l'accreditamento...
  4. Sviluppo della pagina internet di forum, che dovrà trovare, presumibilmente dopo la prima fase di sperimentazione, una sua completa autonomia. Il primo obiettivo potrebbe essere quello di realizzare una sorta di "portale" dei musei storici della Lombardia.
  5. E' inutile in questa sede rimarcare la necessità di giungere ad una storia della Lombardia/Lombardie in età contemporanea. I musei di storia, in collaborazione con la Regione Lombardia, si candidano alla realizzazione di una mostra virtuale che potrebbe trovare ospitalità sul sito forum.